martedì 29 novembre 2022   
  Cerca  
 
wwwalkemia.gif
  Login  
Alkemia International » 50 anniversario dello sbarco Granma  

Cuba: 50 anniversario dello sbarco Granma

Di Pedro Pablo Gomez(*)

La storia di un paese è piena di episodi, che col passare del tempo si trasformano in simboli, per i suoi cittadini e per il resto del mondo. Così, dopo la sconfitta delle operazioni alle caserme del Moncada e Cespedes il 26 luglio del 1953, che ha portato al massacro della maggior parte degli assalitori da parte dei soldati del governo di Batista e alla prigionia di alcuni dei principali dirigenti del neonato Movimento 26 luglio tra i quali Fidel e Raul Castro, la pressione popolare sulla dittatura nel 1955 fece sì che venisse promulgata un’amnistia e di conseguenza la liberazione degli assalitori e il loro esilio in suolo messicano.

Prima della sua uscita dal paese Fidel ha dichiarato che avrebbe continuato la lotta per il ripristino della libertà e della giustizia per la patria cubana, sino al raggiungimento della vittoria o alla loro conversione in martiri entro l’anno 1956. Dall’arrivo in Messico sono cominciati i preparativi per organizzare la spedizione e l’addestramento degli uomini che iniziavano questa nuova tappa di lotta. E’ durante questo processo che si conoscono personalmente Fidel e Ernesto Guevara (el Chè) il quale si impegna a essere un soldato del gruppo rivoluzionario.

Parallelamente alla preparazione della spedizione, l’organizzazione clandestina, si prepara e pianifica azioni all’interno di Cuba per mantenere alto lo spirito e la ragione della strada intrapresa; in quest’attività è figura fondamentale un giovane di Santiago di Cuba denominato Frank Pais, il quale organizza azioni prima dello sbarco, nella data eroica del 30 novembre, data iniziale in cui si attendeva l’arrivo della spedizione; che per colpa delle condizioni marittime esistenti potè arrivare a Cuba nella mattinata del 2 dicembre.

Tra gli uomini che formavano l’equipaggio del Granma, a parte Fidel e Raul c’era la maggior parte dei sopravvissuti all’assalto della caserma del Moncada; così come Juan Manuel Marquez (1), Juan Almeida Bosque (2) e Ramiro Valdes Menendez (2) Camilo Cienfuegos (1) Che Guevara e altri compagni fino al raggiungimento della cifra di 82 uomini, a parte il Chè, c’erano altri due internazionalisti in questa epopea, il messicano Alfonso Guillen Zelaya (1) e l’italiano Gino Done.

Dopo molteplici complicazioni in terra messicana si è riusciti ad acquistare l’imbarcazione Granma, che si trovava a Tuxpan ed è da questo luogo che è partita la spedizione che ha condotto al Trionfo della Rivoluzione Cubana; sin dalla partenza l’equipaggio ha incontrato gravi problemi, come l’insufficiente spazio esistente per la quantità dei membri della spedizione, le cattive condizioni meteorologiche che misero l’imbarcazione in pericolo  di naufragare in diverse occasioni, e conseguenti e logici malesseri dovuti alla navigazione da parte dell’equipaggio. Per tutto questo viene ritardato l’arrivo a Cuba fino al 2 dicembre del 1956, nella zona conosciuta come “Playas de las Coloradas”; dell’attuale provincia del Granma. E’ in questa data che si colloca la nascita dell’Esercito Ribelle, antecedente alle Forze Armate Rivoluzionarie.

Le caratteristiche paludose di questa zona rendono molto difficile lo sbarco, dove vengono perdute alcune armi e munizioni, a questo si somma il rapido intervento dell’esercito, con bombardamenti persistenti da parte dell’aviazione che provoca il frazionamento e lo smarrimento dei combattenti; la maggior parte cadono prigionieri o rimangono senza contatto con il gruppo dirigente. Assillati dalla  sete e dalla pressione dell’esercito, solo i gruppi di Fidel e Raul, che non raggiungevano la cifra di 15 guerriglieri, riescono a riunirsi nuovamente, e guidati dal contadino Guillermo Garcia Frias (2), arrivano in un luogo sicuro alle appendici della Sierra Maestra; è questo il momento in cui inizia la guerriglia delle montagne nella zona più orientale del paese; dove poco a poco crescono le azioni guerrigliere sino all’apice del 1 gennaio 1959 giorno del trionfo della Rivoluzione; e con essa cominciano i cambiamenti per tradurre nella realtà l’indipendenza, la sovranità e la dignità della nazione cubana.

Durante i primi giorni del mese di dicembre si compiono 50 anni dallo storico sbarco dei guerriglieri del Movimento del 26 luglio, dello yacht Granma; molte pagine di gloria, lavoro e di scontro diretto con l’imperialismo nordamericano, non hanno potuto impedire l’avanzamento e lo sviluppo del processo politico, economico e sociale della Cuba rivoluzionaria, che continua la sua marcia per la via del socialismo e dove si rende memoria all’onore e alla gloria dei caduti in questa diseguale lotta.
Per le persone oneste del mondo che ci circonda, l’esempio seminato con il  Granma, oggi costituisce una luce di speranza, nel panorama di guerre, corruzione e individualismo, spinto dalle classi dominanti nella maggior parte dei paesi che formano la realtà internazionale.

Con la stessa decisione che presero i rivoluzionari de Las Coloradas, oggi il popolo cubano mantiene le sue bandiere libertarie in alto, per continuare l’opera costruita con sangue, sudore e lacrime, come ha detto il nostro Chè;

Hasta la Victoria Siempre!

 

(*) Giornalista e Politologo, vicedirettore esecutivo della rivista Habanera.

(2) Morti durante la lotta di liberazione di Cuba o posteriormente.

(1) Possiedono nell’attualità il titolo onorifico di Comandanti della Rivoluzione

DotNetNuke® is copyright 2002-2022 by DotNetNuke Corporation