giovedì 20 gennaio 2022   
  Cerca  
 
wwwalkemia.gif
  Login  
Le inchieste » Documento segreto della Direzione Thyssen Krupp  
Documento segreto ThyssenKrupp di Torino: operai considerati come eroi, città e governo comunisti.

Fatti orribili vengono messi in evidenza da un documento trovato a casa dei massimi dirigenti della Thyssen Krupp

Tratto da: altrenotizie.org

C’è da rabbrividire nel leggere alcuni stralci di un documento, assolutamente riservato agli addetti ai lavori, sequestrato dalla magistratura nel corso di alcune perquisizioni nelle abitazioni di tre fra i massimi dirigenti della Thyssen Krupp di Torino, l'amministratore delegato Harald Espenhahn, Gerald Priegnitz e Marco Pucci, già iscritti nel registro degli indagati per omicidio e disastro colposo. Si tratta di un’analisi interna aziendale della situazione politica italiana, un dossier scritto in tedesco, in modo da non essere immediatamente fruibile da indiscreti occhi italiani, che meglio di ogni altra testimonianza, metterebbe in evidenza l’atteggiamento sprezzante e privo di scrupoli del board della casa madre delle acciaierie di Essen rispetto alla gestione della situazione dopo l’incidente di Torino.

foto_acciaieria_2.jpg

Nella nota, secondo quanto emerso da indiscrezioni trapelate dalla Procura, si analizza la storia e la realtà della città di Torino, dove esiste - registrano i funzionari Thyssen Krupp - “una lunga tradizione sindacale di stampo comunista” e dove, già negli anni precedenti alla tragedia, le “condizioni ambientali” apparivano sfavorevoli al mantenimento dell'attività produttiva. Non mancano i cenni remoti alla storia italiana e torinese degli “anni di piombo”, nei quali chi firma l'analisi ricorda come alcune delle pagine più sanguinose del terrorismo brigatista siano state scritte proprio a Torino.

Poi si passa a esaminare la situazione dei 20 giorni di dicembre che hanno fatto seguito alla tragedia, durante i quali il sacrificio degli operai, le loro condizioni di lavoro, le dichiarazioni di dura condanna da parte delle istituzioni e delle forze politiche e sindacali italiane hanno occupato le prime pagine dei giornali e dei telegiornali. Ai vertici aziendali che dalla Thyssen tedesca hanno evidentemente richiesto elementi per poter meglio valutare la situazione e per poter quindi decidere la propria strategia sia di comunicazione sia legale, lo sconosciuto relatore dell'analisi trasmette i propri commenti.

Commenti che già nel tono fanno ben emergere la visione del lavoro di stampo ottocentesco che permea queste figure manageriali di un’azienda che, per storia antica ma mai sepolta (producevano i cannoni del Terzo Reich e anche i Panzer), è sempre stata poco avvezza a relazioni umane paritarie con i propri sottoposti. E, infatti, nel dossier trapela il profondo fastidio dei vertici aziendali circa il modo in cui i media italiani enfatizzano la sopravvivenza degli operai scampati al rogo della linea 5. I sopravvissuti e i compagni di lavoro delle vittime “passano di televisione in televisione “ e vengono rappresentati “come degli eroi”.

Un fatto, quest'ultimo, particolarmente sgradevole, che impedisce ogni possibile misura di censura o di richiamo a questi testimoni, che sono ancora e a tutti gli effetti dipendenti della società, ma che in questo momento sarebbe inopportuno colpire sul piano disciplinare, anche se non si esclude di poter prendere in considerazione questa ipotesi per il futuro, dopo un'attenta analisi degli aspetti formali e delle rassegne stampa cartacee e televisive. Infine, viene tracciato un affresco a tinte fosche della situazione politica italiana in generale, facendo notare come lo stesso governo guidato da Romano Prodi, che attraverserebbe comunque un periodo di “crisi”, possa trarre vantaggio dall'estrema attenzione dei media sul rogo di Torino, che può esercitare, se non altro, un ruolo di calamita capace di distrarre l'attenzione dei lettori e dei telespettatori da altri e più urgenti problemi di politica interna.

Fin qui le poche righe di indiscrezioni che, anche da sole, hanno innescato una valanga di proteste e commenti. Come quello del leader Fiom, Giorgio Cremaschi: “Sono degli autentici mascalzoni – ha commentato – e tra le righe si intende che si preparano ad intimidire i lavoratori che dovranno testimoniare in tribunale”. “Un inquietante volta faccia dei vertici Thyssen – è stato invece il commento a caldo del sindaco di Torino, Chiamparino – perché quando l'Ad della Thyssen Italia, Harald Espenhahn, e altri suoi colleghi sono venuti da me, hanno usato ben altre parole nei confronti della citta' e degli operai, bisogna capire ora se i pensieri contenuti in questa nota rappresentato il parere dell' azienda o di qualcuno in specifico.

I riferimenti su Torino e sulla storia democratica e sociale, disegnata come una caricatura - ha concluso, con disappunto, Chiamparino - sono comunque ignoranti e strumentali, e quelli sui lavoratori della Thyssen di Torino gravissimi'”. Piu' duro Giorgio Airaudo, segretario cittadino Fiom: “Sappiano i vertici Thyssen che questi lavoratori non saranno mai lasciati soli e che verranno difesi. E' gravissimo che l'azienda possa dire certe cose e pensare a vendette nei confronti dei suoi operai dopo averli esposti a rischi così pesanti''.

Inutile dire lo sconcerto e il rinnovato dolore che il ritrovamento di questo documento ha destato negli operai della Thyssen: “Dopo il danno, la beffa - ha commentato, con amarezza, Antonio Boccuzzi, un sopravvissuto - nessuno di noi va di in tv in tv, come loro asseriscono, per cercare di diventare un divo; vogliamo solo raccontare cosa non funzionò quella notte e cosa non funzionava in quel periodo. Credo che sia ancora una volta una totale mancanza di sensibilità e di umanità da parte dell'azienda. Non riesco a capire che tipo di provvedimenti possano prendere perchè nessuno ha raccontato cose non vere”.

DotNetNuke® is copyright 2002-2022 by DotNetNuke Corporation