giovedì 20 gennaio 2022   
  Cerca  
 
wwwalkemia.gif
  Login  
Natura e salute » Le Allergie  

Le allergie primaverili

Con l’avvicinarsi della primavera, milioni di persone sono colpite da una serie di fenomeni allergici.

Le cause che scatenano una reazione allergia sono dovute alla presenza nell’aria o al contatto con la pelle, di sostanze riconosciute estranee dall’organismo che, pur risultando innocue, sono in grado di scatenare una reazione esagerata. Ovvero dare il via ad una serie di processi atti a difendere l’organismo.

Queste sostanze estranee vengono chiamate allergeni e a contatto con il nostro organismo provocano la formazione di anticorpi, che rappresentano le nostre principali difese.

Le manifestazioni allergiche colpiscono diversi distretti del nostro organismo causando sintomatologie quali: rinite, congiuntivite, asma, pruriti, emicrania, orticaria e hanno origine da numerose cause come polveri, acari, punture di insetti, pollini, peli di animali, piume, metalli e sostanze chimiche.

Prevenzione

E’ quasi sempre impossibile eliminare queste cause, se non vivendo sotto una campana di vetro; e’ possibile però attenuare alcune difese dell’organismo grazie a una serie di rimedi che la natura ci mette a disposizione, i quali possono coadiuvare le difese dell’organismo, riducendo le manifestazioni allergiche.

I trattamenti

Per orticaria, asma, congiuntivite e rinite da pollinosi, è importante utilizzare il ribes nigrum, definito anche ‘cortison like’. ovvero ha un’attività simile al cortisone senza mostrare alcun effetto collaterale tipico del cortisone stesso. Questo, svolge azione antinfiammatoria e antiallergica stimolando le ghiandole surrenali.

Si impiegano le gemme fresche o le foglie e se ne consiglia la sua assunzione al mattino; eventualmente ripetere il trattamento nel pomeriggio.

Altre piante utili nel trattamento delle manifestazioni allergiche, possono essere:

nel trattamento delle dermatosi allergiche, eczemi e psoriasi consigliamo l’elicriso, pianta che svolge azione antiallergica e antipsoriasica. Si impiega la parte aerea fiorita fresca.

Nel trattamento delle infiammazioni oculari e rinofaringee è consigliata l’eufrasia, pianta che svolge azione decongestionante, lenitiva e disarrossante. Si impiega l’intera pianta.

Nel trattamento di raffreddori e raffreddori rinofaringici risulta utile l’utilizzo della rosa canina, pianta ad azione antinfiammatoria, antiallergica e rinforzante. E’ opportuno ricordare che debbono essere impiegati i giovani getti freschi oppure i frutti.

Tutte queste piante, sono facilmente reperibili in erboristeria:

sotto forma di gocce: ribes, elicriso e rosa canina.

in opercoli o cps il ribes e la rosa canina.

in infuso l’eufrasia e la rosa canina.

Rimane sottinteso che tutte queste sostanze non possono risolvere in toto tutti i problemi causati da allergie. Infatti il nostro obiettivo, non e’ quello di sostituire il farmaco nel trattamento dell’allergia, ma di rappresentare un valido sostegno alla terapia farmacologica o di proporre un’alternativa al trattamento farmacologico.

Il prodotto erboristico infatti non ha un’azione provata e ripetibile come il farmaco, perché a differenza di questo non si impone sull’organismo sostituendo o inibendo determinate funzioni, ma agisce attraverso di esso, favorendo determinati processi fisiologici che possono facilitare il recupero dell’omeostasi e quindi della salute.

Dott.ssa Daniela Tasselli

Centro naturale San Francesco di Rubiera (Re).

DotNetNuke® is copyright 2002-2022 by DotNetNuke Corporation