domenica 20 giugno 2021   
  Cerca  
 
wwwalkemia.gif
  Login  
Medio Oriente » Nuovo crimine israeliano a Gaza  
28 giugno 2006: A seguito del rapimento di un soldato l'esercito israeliano entra a Gaza. Rasa al suolo una centrale elettrica: l'impianto forniva ai palestinesi il 70% dell'energia necessaria.....
palestina2.jpg

“....L’attacco israeliano è stato particolarmente forte a Gaza, che ha sofferto massicci bombardamenti dell’artiglieria e l’assedio permanente delle forze armate israeliane. Solo ad una dozzina di camion al giorno è permesso l’ingresso attraverso il valico di Karni (tra Israele e la Striscia di Gaza), per portare cibo ad una popolazione di 1,3 milioni di persone (che normalmente hanno bisogno di centinaia di camion al giorno, solamente per le necessità alimentari). Ma anche la minaccia della fame ha fallito il tentativo di costringere i palestinesi a rovesciare il loro governo eletto democraticamente.

L’attacco israeliano non ha nulla a che fare con la sicurezza dei cittadini israeliani; al contrario è parte della guerra del Primo ministro israeliano Olmert contro il governo palestinese, con l’obiettivo di rovesciarlo. Il sequestro di 8 ministri palestinesi e di 21 parlamentari, così come la minaccia di assassinare il Primo ministro palestinese Ismail Hanyie, sono un chiaro esempio del piano di Olmert e del ministro della difesa Peretz per rovesciare con la forza il governo palestinese. L’invasione non riguarda la sicurezza del prigioniero di guerra Gilad Shalit, un soldato israeliano. Al contrario ne mette in pericolo la vita e la sicurezza senza motivo. L’uso della forza prima di considerare la scelta dello scambio di prigionieri dimostra che gli obiettivi politici sono privilegiati rispetto alla vita del soldato Shalit.....” (dal comunicato dell’Alternative Information Center)


Nuovo crimine israeliano a Gaza

caro amico
mi permetto di rubarle un minuto del suo prezioso tempo, alla mia gente stanno rubando la vita in meno di un minuto, basta un missile mirato,  sulle spiaggie mediterranei  di Gaza, in un giorno pieno di sole, una (normale) famiglia palestinese, sta a godere un momento (raro) di tranquillità, questa famiglia è stata massacrata da un mirato missile navale israeliano. distino vuole che una figlia di sette anni sopravvive (per raccontare, testimoniare, al grido tabla.. tabla, papà papà). Io cittadino Italo Palestinese vorrei essere un porta voce di questa bimba, e Lei , vorreste fare sentire la sua voce, per dire basta.
La prego di guardare e sentire dal vivo la voce di quella bimba, solo un minuto.
grazie
Bassami Sale


pubblicato sabato 10 giugno 2006

Questo articolo è molto diverso da quelli apparsi sulla stampa italiana, anche se i fatti riportati sono i medesimi. Qui da noi, i titoli dei principali giornali e dei servizi televisivi mettevano al primo posto la blanda rappresaglia di Hamas (alcuni razzi Qassam che non hanno fatto, come quasi sempre, né vittime, né danni), che avrebbe così infranto la tregua. Naturalmente, ben pochi hanno avuto l'onestà di ricordare che la "tregua" era in realtà un cessate il fuoco unilateralmente deciso da Hamas, che lo ha rispettato per ben sedici mesi, mentre le truppe di occupazione israeliane non hanno mai smesso, nemmeno per un solo giorno, di colpire, dal cielo, da terra ed anche dal mare. A tutt'oggi, non abbiamo ancora sentito una sola voce della politica italiana che esprimesse una parola di cordoglio per le povere vittime della spiaggia di Gaza.   

BBC

Le autorità israeliane hanno fatto bombardare una spiaggia a Gaza: sono stati assassinati 10 civili, di cui due bambini. Un testimone oculare descrive il bombardamento della spiaggia.

Giornalista a Gaza, Sami Yousef era sulla spiaggia venerdì, quando una serie di colpi hanno raggiunto la sabbia.
«Io ero lì, in visita alla regione con degli amici, quando abbiamo sentito delle violente esplosioni. Ci siamo precipitati verso il luogo dove cadevano le granate. Sono stato uno dei primi a giungere sul posto. C'erano persone riverse sulla sabbia, gravemente ferite, che gridavano. C'erano resti umani sparpagliati sulla spiaggia. C'erano tre bambini, di cui due con profonde ferite alla testa. Una bambina urlava, piangeva, chiedendo «Papà, dov'è il mio papà?»

gaza_beach_9_6_2006.jpg

Ferita dalle granate israeliane sulla spiaggia.

Era una scena terribile, c'era sangue dappertutto. Si vedeva una nave da guerra israeliana al largo, allora ho capito cosa era successo. Sono arrivati i medici ed hanno iniziato a raccogliere i corpi. Io li ho aiutati. E' stato tremendo. E' la prima volta che vedo una cosa del genere da vicino.

haitham_ali_1_an_Gaza_beach_96_2006.jpg

Haitham, 1 anno, ucciso sulla spiaggia.

Sono stati portati all'ospedale, alcuni negli ospedali del nord della striscia di Gaza, altri a Gaza città. Nessuno si aspettava questo. I bambini avevano finito gli esami  ed erano venuti in spiaggia con le loro famiglie per approfittare del sole.

Questa spiaggia è il posto dove le persone vanno per divertirsi, lontano dalla folla e dalle difficoltà.

Alcune ore più tardi, l'aviazione israeliana ha sorvolato Gaza, superando il muro del suono. E' stato un giorno terribile per i Palestinesi. Mi sento male. Tre giorni di lutto per onorare la memoria delle persone uccise sulla spiaggia».

BBC, 10 6 2006

Lo stesso giorno del massacro della spiaggia, una bambina palestinese di quattro anni, Mirjam Aman, ferita gravemente nel corso di una delle tante "esecuzioni mirate" israeliane (nel corso della quale hanno perso la vita la madre, la nonna e la sorellina della bimba), ha rischiato di essere dimessa forzatamente dall'ospedale israeliano dove era stata portata per la riabilitazione, con la motivazione che la famiglia non aveva pagato le spese di ricovero. Solo l'intervento di alcune associazioni legali israeliane e di un deputato presso il Ministro della Difesa, Amir Peretz, hanno per il momento impedito che la bimba sia costretta ad interrompere il trattamento di riabilitazione. Tutto ciò è molto interessante anche per noi italiani, viste le ingenti somme che molte nostre Regioni versano alle strutture sanitarie israeliane per... curare i Palestinesi! Dopo Toscana ed Emilia-Romagna, anche il Lazio di Piero Marrazzo ha stanziato alla Fondazione Peres 300.000 euro per il biennio 2006 - 2007 "per il tirocinio dei medici palestinesi in ospedali israeliani". Ovviamente, quando si tratta di finanziare Israele, le difficoltà di bilancio non esistono più. 

 

DotNetNuke® is copyright 2002-2021 by DotNetNuke Corporation