martedì 24 maggio 2022   
  Cerca  
 
wwwalkemia.gif
  Login  
Medio Oriente » Riflessioni di Nenanews  
GAZA, UCCISO VITTORIO ARRIGONI
La notizia assurda e terribile giunta nel corso della notte. L'attivista italiano, che aveva dedicato gli ultimi anni della sua vita al popolo palestinese e' stato impiccato dagli uomini che lo avevano sequestrato.
Gaza, 15 Aprile 2011 – E’ con immenso dolore che Nena News vi riferisce della morte di Vittorio Arrigoni. I rapitori hanno ucciso l’attivista italiano che era stato rapito ieri mattina a Gaza da un presunto gruppo salafita. Il suo corpo senza vita è stato trovato la scorsa notte a Gaza City da agenti della polizia di Hamas, che avevano effettuato un blitz in un appartamento. Non era ancora scaduto peraltro l’ultimatum che i sequestratori avevano fissato (16 di oggi) per la scarcerazione dei loro compagni detenuti da Hamas. Finisce con una morte assurda, l’esistenza di un giovane volontario, giornalista e scrittore italiano che aveva dedicato gli ultimi anni alla causa del popolo palestinese, in particolare quello di Gaza, sotto assedio israeliano. Secondo un portavoce del governo di Hamas, il corpo senza vita sarebbe stato ritrovato in un appartamento del quartiere Qarame a Gaza City. In seguito al blitz, uno (forse due uomini) sono stati arrestati e un numero imprecisato di altri sono ricercati dalle forze di polizia di Hamas.
Ieri in video  postato in Youtube il volontario italiano appariva bendato e col volto insanguinato, mentre scorreva una sovraimpressione in arabo che lo accusava di propagare il vizio fra i palestinesi e ingiungeva a Hamas di liberare alcuni detenuti salafiti entro 30 ore.
Vittorio Arrigoni e’ stato il primo straniero a essere rapito a Gaza dopo il giornalista britannico della Bbc Alan Johnston, catturato  quattro anni fa da un altro gruppo locale simpatizzante di Al Qaida, l’Esercito dell’Islam, e liberato dopo 114 giorni di prigionia. Nena News
DotNetNuke® is copyright 2002-2022 by DotNetNuke Corporation